18.1.09

Volandri squalificato tre mesi per doping dichiara "c'è accanimento contro gli italiani"


Da realsports

Filippo Volandri, squalificato per tre mesi dalla Itf per essere stato sorpreso con un quantitativo troppo elevato di salbutamolo ad un test antidoping dello scorso marzo, non si sta. E lancia la carica. "E' una squalifica assurda: da sette anni faccio uso di ventolin, la medicina che contiene salbutamolo, ed ogni anno mi viene dato il permesso di utilizzarla - prova a spiegare il livornese -. Lo scorso marzo ho avuto una crisi a Indian Wells e ne ho usato di piu' rispetto al solito, ho superato il limite del 5%".

L'ex numero uno d'Italia sente però puzza di bruciato nella vicenda in cui è appena stato incastrato. "E' tutto molto strano: il processo e' stato il 7 gennaio, sembrava che al massimo rischiassi un'ammonizione ed invece ho preso tre mesi di squalifica. Ho già avuto la solidarieta' di tutti i colleghi, a partire da Nadal. Faro' appello e spero che venga accolto. Tutti sanno che faccio un uso terapeutico di questa sostanza".

Il fatto curioso è che anche l'Itf è al corrente dell'uso della sostanza da parte di Volandri e tiene a specificarlo nel comunicato col quale ha sospeso l'azzurro. "Sì, infatti nel referto spiegano che non ho assunto ventolin per migliorare le mie prestazioni, ma per uso terapuetico. La squalifica e' cosi' breve per questo, altrimenti si rischia da un anno in su".

Dalla vicenda scommessa a questa situazione poco chiara, tra i vertici del tennis e gli italiani pare non esserci grande feeling. "Un accanimento nei nostri confronti? Pare di si', sono stato uno dei pochi a salvarmi dallo scandalo scommesse ed ora arriva questa situazione ridicola - spiega Volandri -. Lo scorso ottobre uno specialista mi ha prescritto l'uso di un altro farmaco e l'Itf riconoscendo la mia situazione mi ha dato il permesso per due anni, quando in genere al massimo concede un nulla osta annuale. Io non voglio trovare scuse, ma penso anche alle squalifiche per scommesse: Starace e' stato fermato per aver scommesso 10 euro, tra l'altro persi, in un incontro non suo. C'e' un po' la caccia alle streghe, la mia e' davvero una situazione assurda: non si parla di nandrolone o di altre sostanze dopanti, ma di un farmaco che uso per l'asma e che tra l'altro mi da' anche problemi di tachicardia, facendomi addirittura fare piu' fatica in campo".

Ma ora la preoccupazione principale di "Filo" è quella di uscire dalla vinceda con un'immagine pulita. "Ci tengo a far capire al pubblico che non c'e' nessun dolo. Loro parlano di abuso di una terapia medica, ma e' davvero tutto particolare, non vorrei che le persone associassero la parola doping al mio nome".

12 comments:

Chiara di Notte - Klára said...

Pinguina, vado OT, Passa pure a trovarmi nel mio blog. Ho letto il tuo commento su MC ed hai espresso anche cio' che sento io.

Bacio

Sar@ said...

Ciao Chiara! Non ce la facevo più, per scrivere io così vuol dire che veramente è per me insostenibile... Mi dispiace qando uso quei toni, ma effettivamente non si può essere sempre perfettini e carini... Passo dal tuo blog, anche perchè ho una novità! (te la dico li!!!)

Chiara di Notte - Klára said...

Anche io ne ho una :D

Anzi, forse spero di averne due.

Per quanto riguarda il tuo post su MC ho percepito la tua amarezza come se mi fossi trovata li' accanto a te mentre scrivevi, e mi dispiace tantissimo. Ma le esperienze si archiviano. Dopotutto ho avuto modo di conoscere alcune persone che meritano e questo e' senz'altro positivo.

materials said...
This comment has been removed by a blog administrator.
Sar@ said...

ab

Anonymous said...

necessita di verificare:)

Anonymous said...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

Anonymous said...

Si, probabilmente lo e

Anonymous said...

necessita di verificare:)

Anonymous said...

Si, probabilmente lo e

Anonymous said...

Perche non:)

Anonymous said...

leggere l'intero blog, pretty good