2.4.08

Imprevisti



In questi mesi ho meditato (quasi in silenzio) sull'opportunità o meno di fare la volontaria a Pechino. Avevo già trovato la soluzione, ma poi mi sono chiesta se fosse giusto partecipare a un evento tanto discusso, all'evento che dovrebbe esser vetrina della condivisione tra le culture, di vera e positiva globalizzazione, e invece diventa una presa in giro, diventa vetrina di sponsor che cercano di aprire il loro mercato asiatico, diventa occasione ghiotta per tv e CIO impegnati a promuovere lo "sport", diventa manifestazione lampante di decadenza di valori nel segno del business.
In questi ultimi giorni ne sono successe di tutti i colori, come ad esempio la contestazione della fiamma olimpica in Grecia, l'atleta indiano che si è rifiutato di portare la fiaccola, l'arrivo della torcia a Pechino in una piazza Tien An Men blindata e inaccessibile, l'annuncio del premier polacco del boicottaggio della cerimonia d'apertura.
Alcuni hanno proposto di boicottare le olimpiadi, ma non sono d'accordo, non è rispettoso nei confronti degli atleti che hanno come sogno della vita le olimpiadi, e non è giusto perchè ci sono tutti gli sport extracalcistici, in cui i tecnici e gli allenatori non vivono nell'oro.
Altri hanno proposto di boicottare gli sponsor olimpici. Gli unici di cui potrei usufruire sono Coca Cola e Mac Donald, ma al mac non vado da un sacco, e l'unico momento in cui bevo la coca è quando mangio la pizza. Lo speedy pizza mi porta sempre la pepsi quindi non bevo mai la coca. Quindi non posso "fregiarmi" della scelta boiccottaggio, nel senso che non ho "rinunce" da attuare, comunque non compro quei prodotti. Però l'ultima volta che ho ordinato la pizza, ho chiesto per sicurezza che mi portassero la pepsi. Devono essere stati felici come una pasqua!
Penso che l'unico modo per boicottare le olimpiadi sia non enfatizzare il lato economico, quindi guardare le olimpiadi in streaming su internet per non ingrassare gli ascolti, evitare tutti i programmi di approfondimento perchè oltre alle gesta sportive degli atleti ogni parola è fuori luogo, evitare gli sponsor. Tanto c'è scelta!
Poi, siccome non si può essere solo abolizionisti, ma bisogna essere propositivi, incoraggerei gli atleti a eludere la norma per cui non possono manifestare messaggi politici con uno stratagemma, come può essere un qualsiasi nastrino o striscetta di qualsiasi colore per dire che le olimpiadi devono essere libere da dittature, violenze, se no non si può parlare di spirito olimpico.
Quindi ho deciso di non fare la volontaria. Bene. Ricordo che entro il 31 marzo il BOCOG doveva comunicarmi se mi avrebbe preso.

Oggi, 2 aprile, dopo 13 ore di lavoro, torno a casa, leggo la mail, e mi arriva questo messaggio:

Dear Sara Diani,,
The online application for Beijing Olympic Volunteers has come to an end. Your kind support and participation to Beijing Olympic is greatly appreciated. The recruited will receive a confirmation letter form Beijing Olympic Organizing Committee in May. Your participation has been and will be an inseparable part of Beijing Olympic Games. Thank you again and good luck to all of you.


Best regards,


Beijing Olympic Foreign Volunteer Recruitment Center


Sembrano altre persone rispetto a quelle che arrestano dissidenti, giornalisti, che torturano (ma questo si fa anche da noi), che reprimono. Sembrano gentili, ringraziano, fanno sentire l'interlocutore importante. Certo mi hanno detto che mi manderanno la conferma in maggio, conferma che non so su cosa si basi dato che il questionario online non chiedeva niente di che, conferma che probabilmente non arriverà, conferma che semmai arriverà il 2 giugno, cioè non in tempo utile perchè uno straniero extra-continentale riesca a organizzarsi. E allora riscopro la manipolazione della comunicazione, riassaporo il "dire non dicendo", perchè di fatto mi hanno detto "grazie, veramente grazie eh, però ANCHE NO!".
Se anche per caso dovessero chiamarmi il 2 giugno (che data impegnativa per noi italiani!), dirò "grazie, veramente grazie eh, però ANCHE NO!". Perchè i miei principi non sono in vendita, figuriamoci in prestito!


nopechino.jpg

Ecco la lista

13 comments:

Grogal said...
This comment has been removed by a blog administrator.
Anonymous said...

ciao sara,
solo per dirti che mi piace il tuo blog, mi piace il tuo sorriso nella foto e mi esalta che sai suonare diversi strumenti. Ti posso contattare in qualche modo (email, msn, skype, piccione viaggiatore:-))??

Ciao Lorenzo

Sar@ said...

Ciao!
Grazie per i complimenti, propenderei per il piccione viaggiatore, ma è più comoda la mail..La trovi nella sezione "view my complete profile"

Melina2811 said...

Stò facendo il mio solito giro per salutare gli amici dei mie blog preferiti. Ciao da Maria

Sar@ said...

@Melina: grazie! Sono andata anch'io sul tuo ed è veramente interessante!

Luca said...

Ciao Saretta. Bisogna fare attenzione, magari sono veramente altre persone. Magari il Bocog è pieno di "dissidenti" mascherati. O rivoluzionari e ribelli al regime di Hu Jintao. Dobbiamo "saper" distinguere magari il Bocog, o parte di esso, è nutrito di persone che credono nei valori olimpici ed in tante altre "virtù" che mancano alla Cina sistema/dittatura. C'è un'imposizione di tipo politico e credo che sulla base di ciò molti di essi si muovano perchè sostanzialmente costretti (ovvio). Sulla tempistica per la conferma da volontaria nulla di nuovo, io nel caso di Torino ebbi la mia conferma a novembre (olimpiadi a febbraio). Sul resto (avvenimenti recenti) sono un po' scettico. Io non sono molto favorevole ai Giochi in Cina. Anzi, per nulla. La mia opinione è molto vasta e magari te la illustro via mail per evitare commenti "indesiderati", ma credo che la Fiamma Olimpica vada rispettata. Pensa che smacco per chi oggi si sostituisce ad un ologramma Cio, se a Parigi avessero protestato con un assordante silenzio privando quella triste cornice di urla e sangue. Si contesta la Cina e ci sono molti modi, quello di attaccare sistematicamente la Fiamma è a mio modo di vedere quello più sbagliato. Strumentalizzare così dei simboli universalmente riconosciuti è deprecabile (da una parte e dall'altra). La Fiamma non si ferma,reputo che sia sbagliato fermarla, così come portarla avanti stando alle regole del governo cinese con un Comitato Olimpico che latita paurosamente. La Cina ha speso miliardi di dollari per fare una figura di basso profilo (barbina) prima ancora che i Giochi iniziassero. Le opinioni che la gente nutre non si cancellano con le strutture, con le venues e la finta accoglienza. Olimpiadi che nella coscienza di molti sono ed erano già segnate, inutile pulire l'aria o protestare con quella veemenza che non lede ulteriormente l'immagine già compromessa di un paese, ma che lede solo il simbolo che potrebbe portare un minimo spiraglio di cambiamento. Bacio bacio grazie per il tuo commento su P.s.l.h

Sar@ said...

Luca hai perfettamente ragione! Che tristezza...

Anonymous said...

Si, probabilmente lo e

Anonymous said...

imparato molto

Anonymous said...

imparato molto

Anonymous said...

molto intiresno, grazie

Anonymous said...

leggere l'intero blog, pretty good

Anonymous said...

Si, probabilmente lo e